To Top

COME SI FA UN TIMELAPSE?

Image

PREMESSA

La prima cosa che devi sapere è prendere coscienza del fatto che, se è vero che servono solo 30min per capire i fondamenti della realizzazione di un time-lapse, bisogna avere tanta voglia di sperimentare, provare e imparare costantemente nel tempo per farne uno davvero bene.
Vediamo adesso cosa serve per cominciare:

COSA SERVE PER FARE UN TIMELAPSE?

DISPOSITIVO PER TIMELAPSE

SOFTWARE

TREPPIEDE (ALTAMENTE CONSIGLIATO)

BATTERIE A LUNGA DURATA E BATTERIE DI RISERVA

DISPOSITIVO PER TIMELAPSE

Il dispositivo deve avere già impostato al suo interno la funzione del timelapse . Esso può essere fisso o portatile; in quest’ultimo caso si potrà spostare quotidianamente all’interno del cantiere o dell’area che si vuole esaminare per avere più punti di vista come ad esempio focalizzare meglio alcuni tipi di lavorazioni o osservare cambiamenti repentini della natura che ci circonda.

Il dispositivo fisso sarà versatile, potrà essere installato facilmente su qualsiasi tipologia di superficie e resistere a temperature e condizioni climatiche avverse (vento, neve, pioggia, sabbia). Deve avere un sistema di rotazione a 360° e necessitare solamente dell'allaccio alla rete elettrica per l'alimentazione con presa industriale (220v).

In entrambe i dispositivi si deve avere:

- Monitoraggio continuo, la comunicazione delle anomalie deve essere trasmessa in maniera rapida;

- Alta qualità utilizzando il sistema 4k.

- Totale affidabilità sul funzionamento del sistema;

-Sistema di allarme 24h/24 (in caso di malfunzionamento o manomissione).

-Totale garanzia dei dati, sempre raggiungibili online, nessuna scheda di memoria in loco.

Il dispositivo deve essere pratico e già pronto all’uso(plug and play), con già tutte le caratteristiche al suo interno che ti permettono di eseguire time lapse straordinari senza la necessità di attrezzature aggiuntive. Non si deve attaccare o regolare nulla!!! Vengono impostate automaticamente la modalità di scatto corrette.

Image
Image

TREPPIEDE

Image

Si deve essere in possesso di un treppiede stabile e solido, esso è fondamentale per la buona riuscita di un video time lapse, sebbene non sia obbligatorio.

Un un buon treppiede dovrebbe sostenere tutto il carico senza problemi, e consentire di mantenere l’arsenale stabile per tutta la durata della sessione di scatto.

Il consiglio è di orientarsi su un treppiede che sia piuttosto alto ed inoltre che abbia la testa distaccabile.

SOFTWARE

Una volta che il dispositivo scatterà centinaia di fotografie utili per la composizione finale, si deve utilizzare un software per “assemblare” la sequenza, Andremo a trattare in maniera dettagliata più avanti quella che è la post-produzione del vostro video time-lapse.

Image

BATTERIE A LUNGA DURATA E BATTERIE DI RISERVA

Alimentare in maniera continua e senza interruzioni la telecamera durante la sessione di scatto è fondamentale per evitare problemi di varia natura. Il dispositivo deve avere le batterie a lunga durata per ovviare a interruzioni non previste.

COME CREARE UN VIDEO TIMELAPSE

Guida dettagliata, precisa e semplice da seguire in ogni occasione.

PREMESSA

Il dispositivo timelapselab è sicuro ed affidabile perché ti garantisce un servizio fotografico di ottima qualità in grado di soddisfare le esigenze del cliente.
Non esiste “il” workflow definitivo. In queste pagine andremo a descrivere quello che secondo noi più adatto alla produzione di un video time-lapse, dando il maggior numero di informazioni possibili così da non farvi cadere negli errori più comuni del caso.

1. SCEGLI IL SOGGETTO DA RIPRENDERE

Le prime cose che devi chiederti sono:

  • Cosa voglio fotografare?

  • Cosa voglio rappresentare, e come?

Il time-lapse serve proprio per velocizzare il tempo a dismisura, quindi scegli un soggetto e l’inquadratura conseguente che possano essere ritenuti interessanti dagli altri che poi lo guarderanno, e che soprattutto raccontino una storia che a fatica noteremmo a occhio nudo.

Ad esempio: riprendere le nuvole in movimento è una cosa molto accademica, e va benissimo per il tuo primo tentativo di time-lapse. Ma piuttosto noiosa da guardare se non componi un inquadratura con elementi che si staglino sullo sfondo, non credi?

2. METTERE IL DISPOSITIVO SUL TREPPIEDE, E METTERLO A BOLLA

Hai controllato di avere le batterie cariche? Bene procedi allora.

Adesso che hai scelto il soggetto da riprendere e l’inquadratura della scena, puoi sistemare il treppiede. Comportati quindi di conseguenza, aggiustando le gambe del treppiede al fine di avere un’inquadratura dritta e bel realizzata.

3. IL FORMATO DI SCATTO UTILIZZATO È IL JPG

Il formato JPG consente di risparmiare più del 60% dello spazio occupato, e quindi in pratica scattare molte più foto sulla stessa scheda, rispetto a quante ne riusciresti a memorizzare in RAW.

4. QUALE INTERVALLO IMPOSTARE TRA UNO SCATTO E L’ALTRO?

Non c’è una risposta precisa, a seconda del soggetto che vuoi riprendere, dovrai utilizzare tempi e intervalli differenti. Puoi decidere dai 10 fino ai 30 minuti, a seconda delle necessità e a seconda del tipo di lavoro che viene realizzato.

5. PREMI START, RILASSATI.. MA TIENI D’OCCHIO LA SITUAZIONE

Scatta ancora un paio di foto di prova per capire se hai sistemato tutto e l’inquadratura è perfetta come volevi e premi start.

 

6. TORNA A CASA, E CREA IL TUO VIDEO

Una volta tornato a casa con le tue centinaia di fotografie in sequenza, avrai voglia di creare il video e vedere finalmente il tuo time lapse video prendere vita.

7. RAGGRUPPA LE IMMAGINI

Prima di iniziare la produzione del time lapse è bene organizzare tutte le fotografie che comporranno il video all’interno di un’unica cartella.

8. CREARE IL VIDEO

Per generare il time lapse vero e proprio serve ora un programma di post produzione video come Adobe Photoshop Adobe Premiere, Adobe After Effects, Pinnacle o Lightroom. Se avete la serie di immagini, importatele e montatele poi come sequenza video scegliendo la risoluzione che si desidera ottenere per il video oltre che la “spaziatura” temporale fra le immagini.

A questo punto il programma riuscirà a riconoscerle automaticamente ed ad importarle come successione di fotogrammi di un video.

9. POST PRODUZIONE

Prima di esportare il time lapse, è possibile scegliere effetti e regolazioni da applicare al video. I programmi di post produzione video permettono di scegliere tra tante opzioni differenti. Infine si procede al montaggio del time lapse, alla correzione del colore e all’esportazione nel formato video e alla risoluzione di preferenza.

Preventivo gratuito. Puoi contattarci via mail o telefono. Troveremo la soluzione professionale su misura per te.

Sign in to your account

Questo sito utilizza i cookie per l'autenticazione, navigazione e altre funzioni. Usando questo sito, tu accetti l'utilizzo di questi cookie sul tuo dispositivo.
Privacy Policy · e-Privacy Directive Documents · GDPR Documents